Cani e gatti, in Italia sono 14 milioni

milioni
In totale i “pet” sono circa 60 milioni. Un mercato, ancora in crescita, che genera un importante giro di affari

In Italia una famiglia su due convi ve con un animale da compagnia. Il 55,3% dei nuclei familiari italiani, infatti, ospita in casa almeno un cane o un gatto ma anche conigli nani, uccelli, pesci, e - negli ultimi anni - anche animali esotici come rettili, anfibi, o piccoli mammiferi non tradizionali.

Secondo le ultime elaborazioni effettuate nel 2014 da Euromonitor, in Italia si contano in totale circa 60 milioni di pet, di cui 14 milioni fra cani e gatti.

Il terzo animale preferito dalle famiglie italiane è il coniglio nano che insieme agli altri piccoli roditori (cavie, criceti, cincillà, degu, ecc…) conta una popolazione di quasi 1,8 milioni, seguono poi 1,3 milioni di rettili come tartarughe, iguane, serpenti.

Il numero più elevato di esemplari si stima per uccelli e pesci, grazie all’abitudine di ospitarne quasi sempre più di uno: gli uccellini sono 13 milioni, mentre i pesci d’acquario sono circa 30 milioni. Il nostro Paese si pone tra le nazioni con la maggiore densità di animali domestici e con un mercato di notevoli dimensioni e potenzialità. D’altra parte basta pensare al ruolo importante che questi animali hanno assunto nella società moderna, per comprendere i motivi che sono alla base del forte sviluppo di questo  settore.

In una società in rapida evoluzione scandita da ritmi frenetici, il pet - termine anglosassone ormai molto comune in Italia che ben definisce l’animale verso cui si nutre affetto - rappresenta una forma di sicurezza e rassicurazione e può arrivare a costituire una ragione di vita, a cui non si nega nulla.

 

L’articolo completo con tutti i dati del settore è pubblicato su Agri Commercio & Garden Center n. 2/2016

L’edicola di AgriCommercio & Garden Center

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome