Concimi, due campioni su 15 sono “fuori legge”

concimi
Nei controlli effettuati dalla Repressioni frodi nel 2016 solo 1sanzione su 11 è stata elevata per motivi non legati all’analisi del fertilizzante (come gli errori di etichettatura). Gli operatori irregolari non sono comunque i distributori visitati dall’Icqrf ma le aziende che hanno venduto loro i fertilizzanti

Sono 110, secondo l’icqrf, gli operatori del settore fertilizzanti che nel 2016 hanno commesso irregolarità. Si tratta dell’11,9% del totale e le loro “infrazioni” riguardano soprattutto la composizione non adeguata alle norme e irregolarità analitiche.

Gli addetti ai lavori sanno che si tratta, quasi sempre, di irregolarità imputabili esclusivamente al fabbricante e non certo al distributore ma l’ambiguità della terminologia lascia spazio a fraintendimenti quando, a leggere il rapporto dell’Icqrf, non è un esperto del settore. La pubblicazione dell’attività 2016 dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (Icqrf; link: https://goo.gl/khgA9h) è stata quindi l’occasione per fare il punto sulla qualità complessiva dei concimi e sui pericoli a cui vanno incontro i distributori di mezzi tecnici.

Uno dei termini più controversi che si usa nel report e che si ritrova nelle tabelle allegate è quello di “operatore”, che non assume lo stesso significato per tutti i settori controllati dall’Icqrf; mentre è chiaro che, in alcuni comparti, il termine operatore coincide con il soggetto da verificare, quando si tratta di mezzi tecnici l’eventuale sanzione è quasi sempre in capo al produttore del mezzo tecnico stesso. Ciò significa che, per i fertilizzanti, gli operatori irregolari non sono i distributori visitati ma le aziende che hanno venduto loro i fertilizzanti.

Nel caso specifico si tratta dei “fabbricanti” (ormai il registro italiano ha superato le 2000 aziende iscritte con circa 1500 attive) mentre l’operatore è il punto vendita (commerciante all’ingrosso, cooperativa, consorzio agrario, grande distribuzione, ecc.) presso cui viene effettuato il controllo con eventuale collegato prelievo di fertilizzante da inviare ad analisi, non sono comunque rari i casi in cui il controllo si faccia presso il fabbricante.

La norma (art. 12, c.3 del dlgs 75/2010), infatti, è molto chiara: Le sanzioni amministrative non si applicano al commerciante che vende fertilizzanti in confezioni originali (non alterate), se la non osservanza delle norme riguarda i requisiti intrinseci o la composizione dei prodotti, purché il commerciante non sia a conoscenza dell’avvenuta alterazione o manomissione del fertilizzante.

Nel 2016, sono stati visitati poco più di 950 operatori presso i quali si sono controllati mediamente 1,6 prodotti, il 64% dei quali è stato poi anche analizzato (tab. 1).

 

Leggi l’articolo completo di box, grafici e tabelle su AgriCommercio & Garden Center n. 3/2017

L’edicola di AgriCommercio & Garden Center

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome