NBPT, urea meno volatile molto più efficace

urea
Cover Story

L’urea, come noto, è considerata il fertilizzante azotato per eccellenza: titolo elevato, estrema versatilità di utilizzo, costo contenuto per unità fertilizzante.

Anch’essa però presenta un punto debole che, in determinate condizioni, ne riduce l’efficienza in modo significativo e quindi ne mette in discussione anche la suddetta economicità. Al momento della distribuzione, come molti agricoltori hanno sperimentato e constatato anche visivamente, i granuli di urea sono soggetti a un fenomeno di evaporazione.

È questa la fase durante la quale parte dell’azoto viene disperso in atmosfera sotto forma di ammoniaca. Questo aspetto non deve assolutamente essere sottovalutato in termini quantitativi: in condizioni particolarmente svantaggiose infatti le perdite possono superare il 40% del contenuto iniziale di azoto. Queste perdite si verificano in maniera significativa in talune condizioni agronomiche ed ambientali: distribuzione del concime senza interramento, condizioni di clima caldo e secco, scarsa disponibilità idrica, suoli con pH elevati e con scarsa capacità tampone.

LIMITARE LE PERDITE

La ricerca ha sviluppato, nel corso degli anni, un principio attivo che è in grado di limitare questo fenomeno: la N(butil)tiofosforicotriammide, meglio conosciuta come inibitore dell’ureasi NBPT, è in grado di bloccare in modo temporaneo il processo di trasformazione dell’urea, rallentando l’azione degli enzimi responsabili, naturalmente presenti nel suolo. Utec® 46 è un prodotto a base di urea e, appunto, NBPT. Un’associazione che minimizza le perdite di azoto per volatilizzazione. Con l’inibitore, l’urea è protetta dall’azione dell’ureasi per circa due settimane, la tempistica ottimale affinché vi sia un’incorporazione nel terreno con perdite ridotte al minimo. L’inibitore che EuroChem Agro utilizza è caratterizzato da prestazioni particolarmente elevate: la sua stabilità è infatti risultata, da una serie di analisi comparative, di gran lunga superiore ad altri inibitori dell’ureasi presenti sul mercato dei fertilizzanti. Grazie a questa peculiarità, Utec® 46 può essere impiegato con grande flessibilità in accordo con le più svariate esigenze agronomiche.

 

Visualizza l’articolo pubblicato su Agri Commercio & Garden Center n. 1/2016

L’edicola di AgriCommercio & Garden Center

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome