Dal Bonus verde parte la rigenerazione delle città

bonus verde
Il verde pubblico di qualità contribuisce a creare uno stato di benessere per i cittadini.
Un’opportunità per migliorare la qualità della vita in senso ampio

Il Bonus verde è la tessera di partenza per creare un Sistema verde che deve inglobare il verde pubblico, nell’interesse delle città e degli abitanti. È la richiesta emersa dalla conferenza del 2 ottobre scorso, a Brescia, promossa dall’Associazione florovivaisti bresciani.

Si tratta di un percorso culturale che deve coinvolgere il cittadino, le pubbliche amministrazioni, le istituzioni e la politica, per ricavarne conseguenze positive, oltre che sull’ambiente, la salute, la qualità della vita, anche sull’economia, il turismo, l’emersione del lavoro nero.

Attualmente, nelle gare di appalto del verde pubblico l’unico criterio applicato è quello del massimo ribasso. Criterio non impugnabile, “obiettivo”, il più facile da applicare. Spesso il più sbagliato. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti in termini di qualità e sicurezza: è troppe volte evidente come la scarsa qualità del lavoro diventa anche controproducente dal punto di vista economico.

Eppure certi meccanismi sono difficili da sradicare. Per questo motivo, bisogna tenere alto il dibattito su questi temi, impegnarsi in proposte concrete, ragionare in modalità condivisa con gli enti locali, implementare il più possibile la gestione del verde pubblico a km zero: creare un percorso culturale di sensibilizzazione nei confronti della pubblica opinione e delle istituzioni.

Nel Bresciano questo percorso ha costruito negli anni una rete solida di compartecipazione, un vero e proprio networking tra amministratori condominiali, commercialisti, costruttori, agronomi, architetti, storici dell’arte, arboricoltori, produttori, apicultori, che dimostra come lavorare insieme verso un obiettivo comune porti risultati tangibili. L’obiettivo si chiama Verde di qualità. Si continuerà a lavorare perché, dopo il riconoscimento della figura professionale del giardiniere, e dopo l’approvazione, perfettibile, del Bonus verde, questo sia conosciuto e utilizzato dalla cittadinanza, venga riconfermato nella prossima legge di bilancio e diventi strutturale.

Per informazioni: www.florovivaistibs.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome