Vespoidei, fastidiosi e pericolosi

vespoidei
Vespe e calabroni, questi insetti dal “pungiglione facile” sono temibili per le conseguenze fisiche che possono determinare. Le proposte per prevenirli ed eliminarne i nidi

Innanzitutto una precisazione: qui si tratterà dei Vespoidei, cioè vespe e calabroni, che non hanno nulla a che vedere con gli Apoidei, cioè api domestiche, api solitarie, api legnaiole, bombi ecc. Questi ultimi pungono solo se minacciati: non hanno interesse a farlo perché il loro pungiglione rimane infisso nella pelle dopo la puntura, dilaniando l’addome dell’insetto che cerca di andarsene e muore subito dopo.

Difficilmente si viene punti da api e bombi, che sono dediti al nutrimento di fiore in fiore, e altrettanto difficilmente – a meno di non essere a rischio di shock anafilattico – le loro punture mettono in pericolo la vita dell’uomo o animale colpito.

Inoltre svolgono l’importantissima funzione di impollinatori (celeberrima la frase di Albert Einstein: “Quando le api scompariranno, all’uomo resteranno solo 4 anni di vita”), permettendo di mantenere la biodiversità del Pianeta e di ottenere i frutti, nonché di ricavare miele e altri prodotti dalle api domestiche. Quindi api, bombi & co. vanno il più possibile preservati per il loro insostituibile ruolo di pronubi.

Questo non sta a significare che invece i Vespoidei possano essere sterminati, anche perché è impossibile. I Vespoidei non hanno remore a pungere, visto che il pungiglione rimane attaccato al loro corpo permettendo più punture in sequenza.

Ma non bisogna generalizzare: non tutte le vespe sono aggressive e temibili.

Piuttosto, data la pericolosità di alcuni rappresentanti della famiglia, è raccomandabile l’eliminazione dei nidi presenti nei giardini e nelle abitazioni, soprattutto se appartenenti alle specie più pericolose.

 

L’articolo completo è pubblicato su AgriCommercio & Garden Center n. 5/2016

L’edicola di AgriCommercio & Garden Center

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome