Flormart 2019, il verde sostenibile

ingresso a flormart 2019
Flormart 2019, a PadovaFiere, dal 26 al 28 settembre.
Flormart 2019 propone tecnologie verdi compatibili con l’ambiente, oltre al meglio del florovivaismo italiano ed estero

È tornata la “voglia” di Flormart: alla 70esima edizione del salone internazionale del florovivaismo, dell’architettura del paesaggio e delle infrastrutture verdi in corso presso PadovaFiere dal 26 al 28 settembre, quest’anno si sono visti oltre 300 espositori e numerosi visitatori, accanto a un consolidato programma convegnistico, a un buon contingente di enti pubblici in vetrina e a un discreto drappello di start-up di settore.

Cosa c’è al Flormart 2019

Visitare Flormart 2019 significa vedere il meglio della produzione florovivaistica italiana ed internazionale, alberi e gli arbusti ornamentali, le piante da interni verdi e fiorite e tutto il necessario per la costruzione di parchi e giardini, le attrezzature per la produzione florovivaistica, ma anche quelle per la costruzione del verde, i mezzi e i materiali per la coltivazione delle piante e infine un’ampia gamma di servizi e di attività di ricerca e sperimentazione. Per il bene della filiera florovivaistica nostrana, ci sono anche oltre 80 buyer ospitati da 18 Paesi, dalla A di Albania alla U di Ungheria.

Ma Flormart è anche cultura, aggiornamento professionale, ricerca e innovazione: oltre 60 gli eventi, i workshop, gli incontri e i premi in programma nelle tre giornate, tra cui 12 convegni, con più di 200 relatori.

Gli enti istituzionali e professionali

Sono state decisamente potenziate le numerose collaborazioni istituzionali e professionali. Fra le prime ci sono quelle con la Regione Veneto e Veneto Agricoltura, quelle con il ministero delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo (Mipaaft) e con il Crea, cioè̀ il suo ente di ricerca.

Fra le seconde, quelle con le organizzazioni del settore florovivaistico e in particolare con Anve, la cui partnership ha previsto, oltre alla presenza al salone, anche la collaborazione per organizzare l’interessantissimo convegno sulla nuova normativa fitosanitaria europea tenutosi giovedì 26 settembre.

Inoltre, sono presenti il Distretto Altolombardo e Confvivai di Catania con collettive delle loro realtà produttive. E poi gli Ordini professionali dei Dottori agronomi e Dottori forestali con un proprio stand, come quello degli Architetti, e l’Associazione italiana Direttori e tecnici pubblici giardini, presente in varie attività della fiera.

Erbale Forum

Interessante anche la prima edizione di Erbale Forum: un fitto programma di incontri tra esperti, ricercatori e rappresentanti di progetti ed esperienze innovative sulle piante officinali per conoscerne gli aspetti tecnico-scientifici, normativi e di mercato, e una rassegna espositiva mirata, volta a favorire networking e scambi di prodotti e servizi tra i diversi attori della filiera. Dai fiori eduli, sempre più usati e non solo in cucina – e oggi disponibili anche per i garden center –, alla fitoterapia veterinaria.

Flormart Future Village

In linea con quanto si vede da qualche anno in tutte le fiere europee, anche quest’anno il salone padovano ha valorizzato le start-up nel Flormart Future Village.

Si sono visti i giardini verticali in miniatura da appendere in casa o sul balcone grazie a un’anima in acciaio, i robot che monitorano lo stato dei terreni e l’andamento delle colture, gli ortaggi e le verdure da coltivare in casa o in giardini grazie a una serra hi-tech, le app per monitorare le coltivazioni idroponiche.

E queste start-up, selezionate attraverso un bando, si contendono il premio per il miglior progetto, di fronte a una giuria qualificata che sabato 28 assegna il Flormart Future Village Award.

In conclusione, il messaggio lanciato da Flormart 2019, in linea con i movimenti ecologisti alla Greta Thunberg, in sintesi è questo: “Il verde come investimento per il futuro delle nostre città e del nostro benessere”.

Se n’è parlato giovedì 26 nel convegno Verde e Salute. Le piante per il benessere delle città. La natura è la soluzione, giungendo alla conclusione che il verde, inteso come vera e propria infrastruttura urbana e non come mera decorazione, può migliorare il benessere e la salute dei cittadini.

Per maggiori particolari e per le novità viste al salone,
vi rimandiamo ad Agricommercio e Garden Center n. 7/2019.

Flormart 2019, il verde sostenibile - Ultima modifica: 2019-09-27T12:00:30+00:00 da Barbara Gamberini

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome