Timidi segni di ripresa delle macchine da giardino

I rasaerba sono in netta ripresa, avendo fatto registrare solo segni positivi.
Con la fine del 2014 le vendite sono ripartite sancendo un’inversione di tendenza rispetto agli ultimi anni che avevano visto investimenti sempre più ridotti

Il mercato italiano delle macchine per il giardinaggio e la cura del verde chiude il 2014 in crescita, segnando finalmente un’inversione di tendenza rispetto all’andamento negativo degli ultimi anni, quando gli investimenti per il verde hobbistico e per le manutenzioni da parte delle amministrazioni cittadine hanno subito una consistente riduzione.

Secondo i dati 2014 stimati diffusi da Comagarden (FederUnacoma) insieme con il gruppo di rilevamento Morgan (tab.1), le vendite di macchine per il giardinaggio hanno segnato nel 2014 un incremento del 7,6% sul 2013, pari cioè – in termini unitari – a un attivo di circa 77mila fra macchine e attrezzature (1.088.505 unità vendute nel 2014 a fronte di 1.011.529 del 2013).

Tranne alcune categorie di prodotto, la crescita ha interessato tutti i principali segmenti di mercato, a partire da quello dei trattorini, che hanno così assorbito una leggera flessione in corso d’anno per chiudere il 2014 con un deciso +16% (+2.253 unità).

Incrementi a doppia cifra caratterizzano anche decespugliatori e raserba: i primi hanno visto aumentare le vendite del 14,9% con un saldo positivo di 30.943 unità, mentre i secondi sono passati da 223.331 a 247.492 unità vendute per un aumento percentuale del 10,8. Bene, tra gli altri, anche atomizzatori (+36,8%), ride-on consumer (+16,2%), biotrituratori (+9,1%) e motoseghe (+8%).

Anche se in un contesto segnato da un ritrovato dinamismo, alcune tipologie di macchine (tagliasiepi, spazzaneve, ride-on professionali e trimmer) sono andate in controtendenza. Mentre nel caso delle tagliasiepi si è trattato di una leggera flessione (-0,6% sul 2013), trimmer e ride-on mmv professionali hanno visto cali più accentuati (-8,2% per i primi e -9,4% per i secondi), fino ad arrivare alla pesante battuta d’arresto degli spazzaneve (tipologia di macchina legata all’andamento della stagione meteorologica), le cui vendite tra il 2013 e il 2014 sono diminuite di ben 4.206 unità, con una contrazione pari al 41,1%.

MACCHINE_AC_09_2015 40_tab

L’articolo completo è pubblicato su Agricommercio e Garden center n. 9/2015

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome