F.lli Farnè, prodotti e servizi per un’agricoltura moderna

farnè
I f.lli Daniele e Stefano Farnè dell'omonima ditta.
«Puntiamo a costruire un rapporto di collaborazione con le aziende agricole sulla base della fiducia e della stima reciproche» affermano i fratelli Daniele e Stefano Farnè

Castel S. Pietro Terme, in provincia di Bologna, si trova sul territorio di confine tra Emilia e Romagna. Una terra di confine tra due realtà culturali ben definite e di grande spessore per l’agricoltura italiana Emilia e Romagna; frutteti, orticole, vite e cereali di grande qualità con filiere di produzione all’avanguardia per tecniche innovative e certificazioni di qualità riconosciute a livello internazionale rappresentano il presente, mentre gli allevamenti sono ormai un ricordo.

In questa realtà si muovono i fratelli Daniele e Stefano Farnè, con la loro attività di vendita di prodotti per l’agricoltura, con un servizio che mira alla fidelizzazione del cliente, fornendogli un supporto globale per le attività aziendali.

Ma come nasce il progetto Farnè?

«Tutto comincia con una piccola attività di vendita di mangimi, quando ancora l’allevamento era una voce importante per l’agricoltura di questo territorio – racconta Daniele –. Poi con il tempo ci siamo allargati a tutti mezzi di produzione per l’agricoltura. Il salto di qualità lo abbiamo fatto nel 2000 quando abbiamo rilevato l’attività di Progeo già esistente nel nostro territorio. Siamo così entrati in un contesto di collaborazione diventando concessionari di Progeo. Nel giro di due o tre anni ci siamo dati un’organizzazione adatta alla nuova veste che avevamo indossato: abbiamo rafforzato il nostro servizio tecnico con due tecnici giovani e abbiamo trasferito la nuova attività nel magazzino che prima era di Progeo.

In questo momento forniamo servizi a 360° per l’agricoltura. I nostri punti di forza sono il vigneto per l’elevato valore del settore e perché annoveriamo tra i nostri clienti importanti aziende vitivinicole, le colture estensive con particolare riferimento ai cereali e le orticole di pieno campo e serra.

Disponiamo poi di un punto vendita al dettaglio che funziona molto bene grazie alla posizione strategica in cui ha sede, dove trattiamo prodotti per il pet, l’ortogarden in grande crescita negli ultimi anni, l’hobbistica in genere e il piccolo allevamento.

Nel settore degli allevamenti abbiamo ridotto l’attività non per demerito nostro, ma perché in questo territorio sono praticamente scomparsi.

In ogni caso manteniamo un rapporto di esclusiva per Purina per il territorio che va da Bologna est a Rimini per i mangimi del settore equino».

 

L’articolo completo è pubblicato su AgriCommercio & Garden Center n. 7/2016

L’edicola di AgriCommercio & Garden Center

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome