La crisi non c’è ancora, ma si cerca di risparmiare

Secondo il Rapporto Assalco-Zoomark 2014 non si tende a lesinare in quantità e qualità per il petfood, ma si scelgono i prodotti in base alle promozioni

Come ogni anno, il Rapporto Assalco-Zoomark 2014 fotografa la situazione del comparto pet, che continua a godere di ottima salute, nonostante il perdurare della crisi: oltre 14 milioni di famiglie hanno almeno un animale domestico, per un totale di oltre 60 milioni di pet, e se ne prendono cura con sempre maggiore attenzione poiché li considerano veri e propri membri della famiglia. Ne discende che il mercato pet cresce nonostante il periodo di crisi generale, in quanto gli italiani non rinunciano a garantire ai loro animali cure e attenzioni che passano anche attraverso la scelta di un’alimentazione sana e sicura, fondamentale per il loro benessere.

I capisaldi del settore sono confermati dai risultati di un’indagine ad hoc che Iri, leader mondiale nella fornitura di informazioni sui mercati del Largo Consumo e sullo shopper, ha realizzato tra i consumatori proprietari di cani e gatti.

Mercato in crescita

 Il mercato italiano dei prodotti per l’alimentazione e la cura degli animali da compagnia è uno dei pochi a mostrare dinamiche positive. Gli alimenti per cane e gatto, che rappresentano i principali segmenti del mercato, mostrano una crescita dell’1,7% a valore e valgono 1.776 milioni di €, sviluppando 548.100 t commercializzate.

La crescita a valore testimonia la sempre più diffusa attenzione alla salute e al benessere dei propri animali, la cui cura è così importante per i proprietari, considerando il fondamentale ruolo svolto dal pet in famiglia e in società.

Altra motivazione dell’aumento del giro di affari è la capacità dei produttori, sia di marca che della distribuzione, di adattare l’offerta alle esigenze dei proprietari. In uno scenario di consumi decrescente, dove anche il mercato alimentare ha una crescita pari a zero nel grocery, il pet food si dimostra più resistente alla contrazione dei consumi.

(puoi continuare a leggere l'articolo su AgriCommercio e garden center n. 1 - 2015)

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome