Macchine per il giardinaggio fermate dal Covid 19

Con un calo del 23,1% nei primi tre mesi dell’anno, il comparto del gardening sconta l’emergenza sanitaria. Ma secondo Comagarden da maggio ci dovrebbe essere una ripresa delle vendite. Prevista una chiusura dell'anno con un -9%  

Nel primo trimestre del 2020 il mercato delle macchine e delle attrezzature per il giardinaggio sconta “l’effetto Covid 19” con una flessione del 23,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

E’ quanto emerge dai dati elaborati dall’associazione italiana dei costruttori Comagarden e dal gruppo di rilevamento statistico Morgan. Le conseguenze della pandemia si sono fatte sentire soprattutto con il lockdown di marzo che ha determinato una brusca frenata per quasi tutte le tipologie di macchine.

Decespugliatori e trimmer hanno chiuso il trimestre con un calo pari, rispettivamente, al 34,4% e al 25,1%, mentre per i trattorini la contrazione delle vendite è stata pari al 19%. Passivo pesante anche per il comparto dei rasaerba (-32,6%), nel quale tuttavia si segnala la sostanziale tenuta dei modelli a batteria che hanno limitato le perdite (-1,7%).

Bene i modelli a batteria

soffiatori-aspiratoriIl crescente appeal delle macchine elettriche ha caratterizzato anche l’andamento dei soffiatori e delle motoseghe a batteria. Nel caso dei soffiatori, il dato riferito al settore nel suo complesso ha visto una sensibile riduzione delle vendite (-28,1%) mentre i modelli a batteria, sulla spinta degli ottimi risultati nei primi due mesi dell’anno, migliorano le performance rispetto al 2019 (+23,3%).

Questo trend è ancora più evidente nel caso delle motoseghe: mentre il dato di vendita complessivo vede una leggera flessione rispetto allo scorso anno (-4,9%), quello riferito ai soli modelli a batteria registra un vero exploit con un incremento pari al 136%. Scenario completamente diverso per gli spazzaneve, che hanno chiuso il primo trimestre del 2020 con un passivo molto pesante (-86%).

Crescono i rasaerba robot

A pesare su questa categoria di prodotto non è stata la pandemia di Covid 19, ma l’andamento anomalo della stagione invernale, la seconda più mite di sempre dopo quella del  2007-2008, secondo l’Istituto delle Scienze dell’Atmosfera e del Clima (ISAC-CNR).

In uno scenario caratterizzato dunque da una generalizzata contrazione delle vendite, il settore dei rasaerba robot va in controtendenza e si segnala per un significativo incremento delle vendite (+9,1%), secondo un trend espansivo in atto in modo costante dal 2014. Segno positivo anche per le potatrici ad asta (+11%) e per  gli atomizzatori (28,9%).

Recupero previsto nella seconda parte dell'anno

mercatoSecondo le previsioni di Comagarden e del gruppo di rilevamento Morgan i prossimi mesi, superata la fase strettamente emergenziale, saranno caratterizzati da un recupero del mercato, che vedrà una riduzione del deficit ma che segnerà comunque un passivo consistente (-9%), non potendo recuperare la quota di mercato che era strettamente legata alle manutenzioni primaverili, in buona parte sospese proprio per l’emergenza sanitaria.

VARAZIONE DELLE VENDITE tra 1° trimestre 2020 E 1° trimestre 2019

 MACCHINE

Var. % 2020/2019

RASAERBA

-32,6%

MOTOSEGHE

-4,9%

DECESPUGLIATORI

-34,4%

TRIMMER

-25,1%

SOFFIATORI/ASPIRATORI

-28,1%

BIOTRITURATORI

-1,1%

MOTOZAPPATRICI

-29,2%

TAGLIASIEPI

-16,6%

SPAZZANEVE

-85,8%

ARIEGGIATORI/SCARIFICATORI

-39,5%

POTATRICI AD ASTA

11,0%

TRATTORINI

-18,9%

ZERO TURN Consumer

64,0%

ZERO TURN MMV

13,1%

RIDE-ON Consumer

-24,1%

RIDE-ON MMV

-63,5%

ATOMIZZATORI/IRRORATORI

28,9%

RASAERBA ROBOT

9,1%

FORBICI DA PRATO A BATTERIA

-38,7%

TOTALE MORGAN

-23,1%

Fonte: Comagarden - FederUnacoma

Macchine per il giardinaggio fermate dal Covid 19 - Ultima modifica: 2020-06-15T09:28:20+02:00 da Alessandro Maresca

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome