AGRILEVANTE

Industria, iniziative sostenibili

Presentate alla manifestazione nel corso dei workshop di Nòva Agricoltura

Con un padiglione e tre workshop, il progetto Nòva Agricoltura del Gruppo Sole 24 Ore, che promuove i nuovi percorsi agronomici e progetti di filiera che saranno protagonisti della Pac 2014-2020, ha fatto tappa all'Agrilevante di Bari.

«Nei prossimi anni dovremo produrre sempre più cibo e oltre tutto con minori risorse - ha detto a Bari Michele Pisante, coordinatore del volume sulla Sostenibilità edito da Edagricole Sole 24 Ore -. Occorrono quindi conoscenze e competenze sempre più specifiche e una visione progettuale nel modo di fare agricoltura». In questo contesto Agrofarma e Assofertilizzanti stanno organizzando una serie di specifiche iniziative.

«Per mettere a punto soluzioni efficaci e sostenibili e proteggere le coltivazioni, il settore degli agrofarmaci in Italia investe ogni anno il 6% del fatturato. Così vengono introdotte molecole sempre più efficienti ed efficaci razionalizzando l'impiego dei prodotti - ha detto Alberto Ancora, responsabile del Comitato immagine e comunicazione di Agrofarma -. Tre i progetti più importanti che stiamo sviluppando. Innanzitutto il “Progetto Soft”, promosso insieme a FederUnacoma, che mira a formare gli operatori sul corretto impiego degli agrofarmaci e delle macchine per la distribuzione in campo per garantire qualità e sicurezza degli interventi. Abbiamo poi il “Progetto Topps Prowadis” che individua le linee guida gestionali per prevenire la contaminazione diffusa dei corpi idrici superficiali da agrofarmaci. Infine il progetto “Coltiva il tuo futuro”, insieme a Confagricoltura e 3M, che promuove la formazione sul corretto utilizzo dei sistemi di protezione individuale per salvaguardare la sicurezza dell'ope- ratore. Agrofarma, infine, ha indetto il premio giornalistico “Alimentiamo il nostro futuro, nutriamo il mondo verso Expo2015” per premiare i giornalisti che promuovono l'informazione sull'innovazione scientifica per l'agricoltura sostenibile e la lotta alla fame».

Da alcuni anni, inoltre, Agrofarma invita alcuni dei maggiori produttori della filiera agroalimentare a un tavolo di confronto, un “Pensatoio dei produttori”, per individuare tematiche di interesse comune dell'agricoltura urgenti da affrontare. L'ultimo produttore che ha fatto il suo ingresso al tavolo è Ermesfruit di Noicattaro (Ba), fondato da Giacomo Suglia.

Dal canto suo anche Assofertilizzanti si sta impegnando per il futuro e la crescita dell'agricoltura. «In collaborazione con l'Ispettorato centrale tutela qualità e Repressioni frodi del Mipaaf è nato il “Progetto Qualità” con il quale le aziende associate s'impegnano in una gestione virtuosa dei propri prodotti e dei sistemi produttivi - ha detto ad Agrilevante il vicepresidente di Assofertilizzanti Mario Puccioni -. Il progetto prevede l'assegnazione di un marchio di qualità a fronte del rispetto di una serie di norme tecniche racchiuse in un disciplinare». Il 2014 sarà l'anno zero per tutte le imprese associate che si dovranno adeguare al nuovo sistema di certificazione che, oltre alle caratteristiche intrinseche dei prodotti, valuterà anche la condotta a fronte delle risultanze Icqrf e della qualità del sistema di gestione aziendale.

«Un altro nostro progetto, in collaborazione con Ifa (International Fertilizer Industry Association - associazione internazionale dei produttori di fertilizzanti) - continua Puccioni - si chiama “Roots for Growth - le radici per la crescita”. Si tratta di una campagna europea per sostenere l'uso responsabile ed efficiente dei fertilizzanti che sono un mezzo indispensabile per produrre ma anche per fare qualità come chiedono industrie alimentari e consumatori».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome