Un intenso dibattito che ha attirato numerose presenze (e qualche contestazione)

SPECIALE DIABROTICA

Un confronto sull’entità dei danni e sulle contromisure da adottare«Perchè volete mettere maiscoltori e apicoltori uno contro l’altro?». «Prima ci date i concianti, poi li togliete nel momento in cui ne abbiamo più bisogno». Ma anche un secco: «Non utilizzate questioni tecniche e agronomiche per fini politici». Il convegno “Diabrotica, l’impatto economico e tecnico sulla filiera del mais”, organizzato da Terra e Vita a Milano lo scorso 15 settembre ha dato l’opportunità a numerosi tecnici ed imprenditori (oltre 140 le presenze) di ascoltare le ultime novità sui danni e sulle contromisure per fronteggiare il pericoloso insetto. Ma anche di fare sentire alle istituzioni la propria voce. E testimoniare così che l’impatto sulla filiera maidicola, già messa a dura prova dalla crisi di mercato, è pesante. 

Clicca per scaricare il documento Informatore Fitopatologico - Supplemento a Terra e Vita n. 40/2009 - Visualizza il fascicolo intero (file .pdf | 1,98 Mb)


Convegno Terra e Vita - ­ Confronto sull’entità dei danni e sulle misure da adottare

Un intenso dibattito che ha attirato numerose presenze (e qualche contestazione)

Il Ministro Zaia - ­ «Concia sospesa? Solo cautela, nessuna mossa proibizionista»
Il ministro risponde a chi critica il blocco ai neonicotinoidi per il 2010. Verrà ampliato il progetto di ricerca Apenet

L’Assessore lombardo - ­ «Rotazione per scelta dell’agricoltore, non per obbligo imposto»
«La sospensione cautelativa dei concianti toglie una possibilità di lotta importante. Ma non è l’unica»

Analisi microeconomica - ­ L’effetto diabrotica, taglio della redditività tra il 13 e il 40%
Con le infestazioni i costi per la difesa salgono anche oltre i 200 €/ha. E le risemine sballano i conti aziendali

Analisi macroeconomica - ­ Impatto rilevante sulla filiera, perdite fino a 100 milioni
Lo studio dell’Università di Milano evidenzia tre diversi scenari, tutti comunque gravi permais e settori collegati

La lotta - ­ Prevenzione contro le larve e trattamenti contro gli adulti
L’importanza del monitoraggio. E di non trascurare nessun metodo di difesa

Lombardia - ­ “Solo” 42mila gli ettari colpiti con allettamenti fino al 20%
Vitaliano Peri (Sfr): «Le prime stime ridimensionano la diffusionema non la percentuale di danno»

Emilia-Romagna - ­ Il programma di prevenzione ha consentito di limitare i danni
L’azione regionale si fonda sul divieto di riseminare mais in successione a se stesso per più di 2 anni consecutivi

Piemonte - ­ Diffusione quasi totale, danni sul 35% delle superfici
Reyneri: «Non si può più eliminare la diabrotica. Dobbiamo imparare a conviverci»

Veneto - ­ Aumentano le rilevazioni, ma ancora nessun danno
Una rete di rilevamento costituita da oltre 300 maglie ha individuato solo 5 comuni con presenze consistenti

Europa - ­ Primi danni economici anche in Francia e Romania
Un’avanzata che sembra non avere ostacoli. In Alsazia e Rhône-Alpes le stesse polemiche sui mezzi tecnici registrate in Italia

Esperienza aziendale - ­ «Decreto quantomai improvvido. La concia è utile e necessaria»
Problemi fin dal primo anno di sospensione. E le strategie alternative, oltre a risultare costose, non hanno fatto certo meglio all’ambiente

Segnalazioni - ­ Emergenza batteriosi per l’actinidia italiana
Il cancro batterico è stato segnalato in Lazio e Veneto negli ultimi 2 anni. Prima comparsa in Emilia-Romagna nel 2009

Normativa - ­ Le novità per carpocapsa, peronospora e alternaria
Esordiscono Coragen, Cabrio Duo e Insignia. Ohayo riammesso su melo e Command 36 CS su riso

Laboratori - ­ Cav, garanzia virus-esente valida per tutto il mondo

La chiave per esportare materiale vivaistico anche in Nuova Zelanda

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome